Consiglio regionale
del Piemonte




Riferimenti normativi subiti dalla legge Riferimenti normativi attivati dalla legge Dati di iter della legge Testo del progetto originale

Legge regionale 7 aprile 2000, n. 38.

Interventi regionali a sostegno delle attivitÓ musicali.

(B.U. 12 aprile 2000, n. 15)

Art. 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8

Art. 1.
(Oggetto della legge)

1. La Regione Piemonte, riconoscendo la funzione sociale e culturale dell'attivitÓ musicale popolare, tutela, valorizza e contribuisce al suo sviluppo promuovendo iniziative e facilitandone l'esercizio al fine di garantire la pi¨ ampia diffusione nell'ambito delle comunitÓ locali.

Art. 2.
(Albo regionale)

1. La Regione provvede ad istituire un albo regionale dei soggetti che svolgono attivitÓ musicali popolari al quale potranno aderire associazioni e gruppi autonomi costituiti a norma di legge e senza scopo di lucro quali:
a) complessi bandistici e societÓ filarmoniche;
b) gruppi vocali e societÓ corali;
c) complessi strumentali e gruppi folcloristico-musicali.

Art. 3.
(Programma pluriennale di intervento)

1. Al fine di coordinare in un quadro programmatico organico gli interventi regionali nel settore, la Giunta regionale, previo parere della Commissione consiliare competente, approva il programma triennale integrato di intervento nel settore della musica popolare e indica le risorse finanziarie da stanziare nei bilanci annuali di previsione in apposito capitolo di spesa.

Art. 4.
(Contributi)

1. La Regione, sulla base della programmazione pluriennale di cui all'articolo 3, concede annualmente contributi in favore dei gruppi e delle associazioni iscritti all'albo regionale di cui all'articolo 2:
a) per l'acquisto, il miglioramento ed il completamento di attrezzature musicali fisse e mobili nella misura massima del 70% della spesa ritenuta ammissibile;
b) per lo svolgimento dell'attivitÓ musicale popolare e mediante la realizzazione di spettacoli e concerti bandistici, corali, folcloristici o di altre manifestazioni aventi la stessa natura entro il 30% della spesa ritenuta ammissibile.

Art. 5.
(Adempimenti degli enti operanti nel settore)

1. Entro il 15 marzo di ogni anno i gruppi e le associazioni di cui all'articolo 2 devono presentare all'assessorato regionale competente apposite domande scritte dalle quali risulti:
a) l'esatta denominazione dell'ente, la sede ed il legale rappresentante;
b) i programmi di attivitÓ dell'anno ed eventualmente quelli di valenza pluriennale;
c) i preventivi di spesa articolati secondo quanto stabilito nell'articolo 4 al fine di valutare le relative ammissibilitÓ ai contributi.

Art. 6.
(Adempimenti della Regione)

1. Entro il 30 settembre di ogni anno la Giunta regionale approva il piano annuale di attribuzione dei contributi ai soggetti che abbiano presentato regolare domanda con la richiesta documentazione di cui all'articolo 5.
2. Il contributo si intende finalizzato espressamente ad una delle voci di cui all'articolo 4, comma 1, lettere a) e b).
3. La Regione, attraverso i propri uffici o delegando tale incarico ai Comuni pu˛ svolgere la funzione amministrativa di controllo e la vigilanza sull'attuazione dei piani e dei programmi.

Art. 7.
(Vincolo di destinazione dei contributi)

1. I contributi di cui alla presente legge sono erogati per le finalitÓ di cui all'articolo 4 e non possono essere utilizzati per altre finalita'.
2. I soggetti beneficiati, entro il 31 luglio dell'anno successivo, devono presentare il rendiconto completo delle attivitÓ finanziate, dal quale risulti anche ogni altro contributo eventualmente percepito a sostegno dell'attivitÓ di cui si tratta.

Art. 8.
(Finanziamento degli interventi)

1. Per l'attuazione della presente legge e' autorizzata per l'anno 2000 la spesa di lire 2 miliardi.
2. Agli oneri derivanti dall'applicazione del comma 1 si provvede mediante istituzione di apposito capitolo avente la seguente denominazione "Contributi per il sostegno delle attivitÓ musicali popolari" con dotazione di lire 2 miliardi in termini di competenza e di cassa.
3. Alla copertura degli oneri di cui ai commi 1 e 2 si provvede mediante riduzione di pari ammontare sul capitolo 15910.
4. Per gli anni successivi la spesa sarÓ determinata dalla legge di bilancio.
5. Il Presidente della Giunta regionale e' autorizzato con proprio decreto ad apportare le occorrenti variazioni al bilancio in corso.