Consiglio regionale
del Piemonte




Riferimenti normativi subiti dalla legge Riferimenti normativi attivati dalla legge

Legge regionale 6 gennaio 1978, n. 2.

Norme sullo scioglimento degli EE.CC.AA., sul passaggio delle attribuzioni del personale e dei rapporti patrimoniali ai Comuni ai sensi dell'articolo 25 del D.P.R. 24 luglio 1977, n. 616.

(B.U. 10 gennaio 1978, suppl. al n.2)

Art. 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11, 12, 13, 14, 15, 16

Art. 1.

Le funzioni assistenziali, i servizi e le altre attribuzioni esercitate dagli EE.CC.AA. ubicati nei Comuni della Regione Piemonte sono trasferite al Comune nel cui territorio ciascun E.C.A. ha sede a decorrere dal 1 gennaio 1978, salvo quanto espressamente previsto nel successivo articolo 3.

Art. 2.

Il personale di ruolo o con rapporto di lavoro a tempo indeterminato, in servizio presso gli EE.CC.AA. alla data del 31 dicembre 1977 e' assegnato ai rispettivi Comuni a decorrere dal 1 gennaio 1978.
All'inquadramento del personale nei ruoli organici dei Comuni di destinazione, che avra' effetto dalla data di estinzione degli enti, si provvedera' con le modalita' che saranno indicate in apposita legge regionale, da emanarsi entro il 31 dicembre 1978.
Fino all'inquadramento di cui al comma precedente al personale degli EE.CC.AA. continueranno ad applicarsi, da parte dei Comuni, le norme relative allo stato giuridico ed al trattamento economico previste dall'ordinamento di provenienza.
Tale personale, a decorrere dalla data di assegnazione, sara' iscritto ai fini del trattamento di quiescenza, previdenza e assistenza alla CPDEL e all'INADEL.
Per i rapporti di lavoro subordinati aventi natura diversa da quelli indicati al primo comma del precedente articolo, i Comuni, subentrano nella relativa titolarita' gia' facente capo agli enti estinti.
Al personale assegnato ai Comuni sono fatte salve le posizioni economiche rispettivamente gia' acquisite nel ruolo di provenienza.

Art. 3.

Il patrimonio mobiliare ed immobiliare ed ogni altro rapporto patrimoniale sono trasferiti al Comune nel cui territorio ciascun E.C.A. ha sede entro 60 giorni dall'entrata in vigore della presente legge.
Il Comitato Amministrativo degli EE.CC.AA. in carica e' tenuto a provvedere a tutti gli adempimenti relativi al suddetto trasferimento entro il termine suindicato.
In particolare detto Comitato dovra' provvedere:
a) alla rilevazione della consistenza patrimoniale dell'E.C.A., all'elencazione e ricognizione dei beni, alla loro descrizione e catalogazione, nonche' alla identificazione dei beni patrimoniali la cui titolarita' e' delle II.PP.AA.BB. concentrate o amministrate dall'E.C.A. ai sensi degli artt. 54 e seguenti della legge 17-7-1890, n. 6972, anch'essi descritti e catalogati e distinti secondo l'appartenenza a ciascuna delle predette II.PP.AA.BB.;
b) alla ricognizione dei rapporti giuridici pendenti, distinti secondo la pertinenza all'E.C.A. ovvero a ciascuna delle eventuali II.PP.AA.BB. concentrate o amministrate a norma delle disposizioni di legge citate.

Art. 4.

Gli EE.CC.AA. sono disciolti dal giorno successivo alla data di piena attuazione degli adempimenti indicati nel precedente articolo 3 e, comunque, alla scadenza del termine di cui al succitato articolo 3.

Art. 5.

L'individuazione dei beni e degli altri rapporti patrimoniali trasferiti con la presente legge ha luogo mediante apposito verbale di consegna, che sara' depositato presso il Comune, da sottoscrivere dai legali rappresentanti degli enti interessati nonche' dai rispettivi funzionari responsabili.
A detto verbale dovra' essere allegato l'inventario del patrimonio trasferito con i documenti e le posizioni di archivio relative ad ogni singola unita' immobiliare esistente.

Art. 6.

Ove il Comitato Amministrativo dell'E.C.A. non abbia provveduto agli adempimenti di cui all'art. 3 nel termine prescritto, a detti adempimenti provvedera' direttamente il Comune interessato anche per i fini di cui al successivo art. 10.

Art. 7.

Fino alla data di scioglimento degli EE.CC.AA. indicata nell'art. 4, gli atti di ordinaria e straordinaria manutenzione urgenti ed indifferibili che si rendessero necessari per la conservazione dei beni sono adottati dal Comune d'intesa con il Comitato Amministrativo dell'E.C.A., fatti salvi gli ulteriori adempimenti richiesti dalle vigenti disposizioni di legge.

Art. 8.

I Comitati Amministrativi degli EE.CC.AA. per gli adempimenti di cui agli artt. 3 e 7 potranno avvalersi oltre che degli impiegati dipendenti delle II.PP.AA.BB. concentrate negli EE.CC.AA. stessi, del personale assegnato al Comune a norma della presente legge, nonche' usare i locali e avvalersi dell'opera degli impiegati del Comune, d'intesa con l'amministrazione comunale interessata.

Art. 9.

I contributi regionali a favore degli EE.CC.AA. sono attribuiti dal 1 gennaio 1978 ai Comuni competenti per territorio.

Art. 10.

Il Comune e' tenuto ad osservare il disposto dell'ultimo comma dell'art. 25 del D.P.R. 24-7-1977, n. 616.

Art. 11.

Dalla data di scioglimento degli EE.CC.AA., indicata nel precedente articolo 4, all'Amministrazione delle II.PP.AA.BB. concentrate o amministrate dagli EE.CC.AA. provvede il Consiglio di Amministrazione in carica sino alla data del 31 dicembre 1978.

Art. 12.

A decorrere dal 1 gennaio 1979, ove non sia stata approvata la legge di riforma dell'assistenza pubblica prevista dall'articolo 25 del D.P.R. 24-7-1977, n. 616, si provvede all'amministrazione delle II.PP.AA.BB. indicate nell'articolo precedente mediante la nomina di un Commissario da parte del Comune ove aveva sede l'EE.CC.AA. interessato.

Art. 13.

Il Commissario di cui al precedente art. 12 svolge le funzioni di amministratore unico in tutte le II.PP.AA.BB. gia' concentrate o amministrate dal disciolto E.C.A. assicurando le prestazioni assistenziali e compiendo i necessari atti di amministrazione fino all'entrata in vigore della legge di riforma dell'assistenza pubblica ovvero della legge regionale prevista dall'articolo 25 del D.P.R. 24-7-1977, n. 616.

Art. 14.

Il Consiglio di Amministrazione delle II.PP.AA.BB. indicate nell'articolo 11 ed il Commissario di cui all'articolo 12 adotteranno i propri provvedimenti d'intesa con il Comune interessato, per garantire l'avvio del processo di integrazione dei servizi previsto dalle vigenti leggi regionali.

Art. 15.

I Presidenti degli EE.CC.AA., nonche' i rappresentanti degli EE.CC.AA. stessi, che alla data di scioglimento di cui al precedente art. 4, facciano parte dei Consigli di Amministrazione delle II.PP.AA.BB. non concentrate o amministrate dagli EE.CC.AA., restano in carica fino alla scadenza dei consigli di amministrazione medesimi e comunque fino all'entrata in vigore della legge di riforma dell'assistenza pubblica, ovvero della legge regionale prevista dall'articolo 25 del D.P.R. 24-7-1977, n. 616.

Art. 16.

La presente legge e' dichiarata urgente ed entra in vigore nel giorno stesso della sua pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte ai sensi dell'art. 45, sesto comma, dello Statuto regionale.