Legge regionale 13 febbraio 1995, n. 17. (Testo coordinato)

Disciplina delle funzioni attribuite alle Regioni dalla legge 28 marzo 1991, n. 112 in materia di commercio su aree pubbliche. Modifica della legge regionale 7 settembre 1987, n. 47.

(B.U. 22 febbraio 1995, n. 8)

Modificata da l.r. 15/2000, l.r. 31/2008

Art. 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11, 12, 13, 14, 15, 16, 17, 18, 19, 20

Art. 1.
(Finalita')

1. Con la presente legge la Regione disciplina l'esercizio delle funzioni amministrative ad essa attribuite dalla legge 28 marzo 1991, n. 112 e dal relativo regolamento di esecuzione, approvato con decreto ministeriale 4 giugno 1993, n. 248, conformandosi al disposto dell'articolo 118, ultimo comma, della Costituzione.

Art. 2.
(Funzioni di indirizzo della Regione)

1. Il Consiglio regionale, su proposta della Giunta, emana criteri afferenti agli articoli 2, comma 3 e 3, comma 12 della l. 112/1991, nonche' le modalita' di presentazione delle istanze, entro centoventi giorni dall'entrata in vigore della presente legge. Tali criteri possono venire aggiornati annualmente con le stesse modalita'. Le istanze presentate anteriormente all'emanazione di dette modalita' non perdono la loro efficacia.
2. Le deliberazioni istitutive di nuove aree mercatali, extra mercatali o di ampliamento delle aree esistenti sono adottate dai Consigli comunali, ai sensi dell'articolo 3, comma 12 della l.
112/91, posteriormente all'emanazione dei criteri di cui al precedente comma 1 ed in loro conformita'.

Art. 3.
(Nomina commissioni consultive 1 >< 1)

1. Il Presidente della Giunta regionale nomina, con proprio decreto, le Commissioni provinciali e la Commissione regionale in conformita' all'articolo 4, commi 2, 3 e 4 della l. 112/1991.
2. Le Commissioni di cui al comma 1 sono nominate entro trenta giorni dal ricevimento delle designazioni dei componenti, che devono pervenire entro sessanta giorni dalla richiesta.
3. Qualora non siano pervenute le designazioni nei termini fissati al precedente comma il Presidente della Giunta regionale, avvalendosi del potere di surroga, provvede comunque nel termine di 30 giorni alla nomina delle Commissioni.

Art. 4.
(Funzioni subdelegate ai comuni)

1. Ai comuni sono subdelegate le funzioni amministrative inerenti:
a) la conversione delle autorizzazioni rilasciate ai sensi della abrogata legge 19 maggio 1976, n. 398;
b) il rilascio, previo nulla osta regionale, delle autorizzazioni, anche stagionali, all'esercizio del commercio su aree pubbliche di cui all'articolo 2, commi 3 e 4 della l. 112/1991;
c) la volturazione del titolo autorizzativo ai fini del trasferimento in gestione o in proprieta' dell'azienda;
d) la sospensione e la revoca del titolo autorizzativo, conseguenti la violazione di norme di legge o regolamentari;
e) l'estensione merceologica dell'autorizzazione, ai sensi della legislazione statale vigente;
f) la rinuncia, comunicata dall'operatore, alla concessione di singoli posteggi, qualora l'attivita' sia autorizzata ai sensi dell'articolo 1, comma 2, lettera b) della l. 112/1991;
g) il trasferimento di posteggio di cui all'articolo 7, comma 8 del d.m. 248/1993, previa richiesta di parere agli uffici regionali competenti;
h) ogni ulteriore adempimento connesso a successive modificazioni del titolo autorizzativo.

Art. 5.
(Conversione dell'autorizzazione)

1. La conversione delle autorizzazioni, rilasciate ai sensi della legge 19 maggio 1976, n. 398, nelle autorizzazioni di cui all'articolo 2 della l. 112/1991 e' effettuata:
a) dal comune di rilascio dell'autorizzazione, se ubicato nel territorio regionale;
b) da uno dei comuni, a scelta dell'interessato, nel quale sia localizzato almeno un posteggio, qualora l'autorizzazione sia stata rilasciata da un comune insistente sul territorio di altra Regione;
c) da uno dei comuni capoluogo di provincia, a scelta dell'interessato, qualora l'operatore sia in possesso di una autorizzazione rilasciata, ai sensi della l. 398/1976, da un comune ubicato nel territorio di altra regione ma non sia titolare di alcuna concessione di posteggio nell'ambito territoriale della Regione Piemonte.
2. Le modalita' di conversione delle autorizzazioni sono stabilite con deliberazione della Giunta regionale.

Art. 6.
(Nulla osta regionale)

1. Ai fini del rilascio delle autorizzazioni, anche stagionali, per l'esercizio del commercio al dettaglio su aree pubbliche di cui all'articolo 2, comma 3 della l. 112/1991, i comuni hanno l'obbligo di inviare alla Regione :
a) segnalazione della disponibilita' residua delle relative aree, posteriore agli adempimenti di cui all'articolo 19, commi 1, 2 e 3 entro novanta giorni dall'entrata in vigore della presente legge, con l'esatta indicazione della localizzazione, della superficie, del numero atto a consentire l'identificazione nella planimetria, dell'eventuale settore merceologico in cui l'area disponibile e' inserita;
b) comunicazione delle variazioni di disponibilita', all'atto stesso del loro accertamento;
c) trasmissione delle deliberazioni istitutive di aree mercatali od extra mercatali, corredate delle relative planimetrie, contestualmente all'esecutivita' delle medesime.
2. La Regione cura la pubblicazione, sul proprio Bollettino Ufficiale, degli elenchi delle aree pubbliche disponibili all'esercizio del commercio, entro novanta giorni dalla segnalazione obbligatoria da parte dei comuni di cui al comma 1, lettera a). Tali elenchi sono aggiornati e pubblicati annualmente.
3. I soggetti interessati al rilascio dell'autorizzazione di cui all'articolo 2, commi 3 e 4 della l. 112/1991 ne presentano istanza alla Regione. Le istanze, redatte nel rispetto della normativa sull'imposta di bollo ed in conformita' alle modalita' stabilite nei criteri di cui all' articolo 2, comma 1, debbono espressamente indicare il comune prescelto per il rilascio, individuato a norma dell'articolo 7 della presente legge. Sono considerate improcedibili le istanze di rilascio di autorizzazione ai sensi dell'articolo 2, comma 3 della l. 112/1991 che si riferiscono all'utilizzo di aree non comprese negli elenchi pubblicati sul Bollettino Ufficiale regionale.
4. L'istruttoria delle istanze viene svolta nel rispetto delle priorita' previste dal d.m. 248/1993 nonche' in osservanza dei criteri regionali di cui all'articolo 2, comma 1.
5. Il Presidente della Giunta regionale, con proprio decreto, concede il nulla osta regionale, sentita, nel caso previsto dall'articolo 2, comma 4, della l. 112/1991, la Commissione regionale di cui all'articolo 3, entro novanta giorni dal ricevimento delle istanze. Il nulla osta viene notificato all'interessato ed al comune dallo stesso indicato per il rilascio.
L'eventuale rigetto dell'istanza viene notificato al solo richiedente.

Art. 7.
(Rilascio e modifica dell'autorizzazione)

1. Il rilascio delle autorizzazioni, anche stagionali, per l'esercizio del commercio su aree pubbliche di cui all'articolo 2, commi 3 e 4 della l. 112/1991, deve essere effettuato, nel termine di sessanta giorni dal ricevimento del nulla osta di cui all' articolo 6, comma 5 trasmesso dalla Regione, previa verifica dei requisiti soggettivi:
a) dal comune ove risiedono o hanno sede legale rispettivamente le persone fisiche o le societa' richiedenti;
b) dal comune nel quale sia ubicato almeno un posteggio, a scelta del richiedente, qualora il medesimo risieda od abbia sede legale fuori dell'ambito regionale;
c) dal comune capoluogo della provincia di maggior agio logistico per l'interessato e comunque a sua scelta, qualora l'autorizzazione sia richiesta, ai sensi dell'articolo 1, comma 2, lettera c) della l. 112/1991, da soggetti che risiedono od hanno sede legale in altre regioni.
2. Il comune, nel notificare all'interessato l'avvenuto rilascio dell'autorizzazione, ne informa contestualmente i comuni sede di posteggio. Questi ultimi sono tenuti a rilasciare formale atto di concessione entro quindici giorni dal ricevimento della comunicazione.
3. La volturazione, la sospensione, la revoca, l'estensione merceologica dell'autorizzazione ed ogni ulteriore adempimento connesso a successive modificazioni del titolo autorizzativo sono effettuati dal comune che lo ha rilasciato, anche per effetto di conversione.
4. Il mancato rilascio dell'autorizzazione e' comunicato al richiedente ed alla Regione.
5. Il soggetto autorizzato ha l'obbligo di dare immediata notizia della variazione di residenza o di sede legale al comune titolare del rilascio o della conversione. Quest'ultimo analogamente provvede ad informare la Camera di Commercio competente per territorio, secondo le modalita' previste dall'articolo 21 del d.m.
248/1993.

Art. 8.
(Revoca e sospensione dell'autorizzazione)

1. Al comune che ha rilasciato l'autorizzazione, anche per effetto di conversione, compete:
a) la revoca dell'autorizzazione stessa nei casi previsti dall'articolo 5 della l. 112/1991;
b) la sospensione e la revoca conseguenti alle violazioni di cui all'articolo 6, commi 1, 2, 3 e 4 della l. 112/1991.
2. Ai fini dell'adozione del provvedimento di revoca, il comune sede di posteggio e' tenuto a fornire immediata notizia dell'avvenuta decadenza dalla concessione di posteggio prevista dall'articolo 5, comma 2 della l. 112/1991 al comune che ha rilasciato o convertito l'autorizzazione.

Art. 9.
(Comunicazioni alla Regione ed agli enti interessati)

1. Contestualmente all'adozione dei provvedimenti di seguito elencati, i comuni hanno l'obbligo di darne notizia alla Regione e alla Camera di Commercio competente nonche', ove occorra, al comune di rilascio ed ai comuni sede di posteggio:
a) conversione dell'autorizzazione;
b) rilascio delle autorizzazioni di cui all'articolo 2, commi 3 e 4 della l. 112/1991;
c) volturazione del titolo autorizzativo ai fini del trasferimento in gestione o in proprieta' dell'azienda;
d) revoca del titolo autorizzativo;
e) estensione merceologica dell'autorizzazione;
f) concessione del posteggio;
g) decadenza dalla concessione di posteggio;
h) cessazione dell'attivita' da parte dei soggetti autorizzati;
i) sospensione conseguente la violazione di norme di legge o regolamentari;
l) rinuncia, su istanza dell'operatore, alla concessione di singoli posteggi, qualora l'attivita' sia autorizzata ai sensi dell'articolo 1, comma 2, lettera b) della l. 112/1991;
m) ogni ulteriore adempimento connesso a successive modificazioni del titolo autorizzativo.
2. Il comune che ha rilasciato l'autorizzazione, cui sia stata comunicata dall'interessato la temporanea e volontaria sospensione dell'attivita' nei casi consentiti dalla legislazione vigente, e' tenuto a fornirne immediata notizia alla Regione ed alla Camera di Commercio di competenza.

2 >

Art. 10
(Norma finanziaria)

(...) < 2

Art. 11.
(Tasse di concessione regionale)

1. In materia di tasse sulle concessioni regionali, valgono le norme previste dalla legge regionale 6 marzo 1980, n. 13 e successive modificazioni, dalla legge 14 giugno 1990, n. 158 nonche' la tariffa approvata con decreto legislativo 22 giugno 1991, n. 230 e successive modificazioni ed integrazioni.

Art. 12.
(Fiere mercato e sagre)

1. Sono fiere mercato e sagre le fiere o mercati locali che si svolgono in occasione di festivita' locali o circostanze analoghe.
2. Le manifestazioni di cui al comma 1 sono istituite a norma dell'articolo 3, commi 4 e 12 della l. 112/1991, in osservanza dell'articolo 6 del d.m. 248/1993 e nel rispetto dei criteri adottati dal Consiglio regionale ai sensi dell'articolo 2.

Art. 13.
(Mercati e fiere domenicali e festivi)

1. E' vietata l'istituzione di mercati, fiere mercato e sagre nei giorni domenicali e festivi, fatta eccezione per manifestazioni, finalizzate al commercio di una sola e determinata specializzazione merceologica che costituisca eccezionale offerta al consumatore, che comunque si svolgano a cadenza mensile o ad intervalli di maggiore durata.
2. Tali manifestazioni sono istituite con le modalita' richiamate al comma 2 dell'articolo 12.
3. In concomitanza con lo svolgimento di dette manifestazioni, si applicano le disposizioni dell'articolo 18, comma 3, del d.m.
248/1993.
4. Le fiere mercato, le sagre e i mercati, domenicali e festivi, istituiti precedentemente all'entrata in vigore della l. 112/1991, possono continuare a svolgersi nel rispetto delle modalita' previste dalla l. 112/1991 e dal d.m. 248/1993.

Art. 14.
(Calendario delle fiere mercato e delle sagre)

1. Il calendario regionale delle fiere mercato e delle sagre e' approvato dalla Giunta regionale entro il 30 novembre dell'anno precedente a quello a cui si riferisce e viene pubblicato sul Bollettino Ufficiale.
2. I comuni trasmettono alla Giunta regionale l'elenco cronologico delle fiere mercato e delle sagre istituite.
3. L'elenco indica per ogni fiera: la denominazione, la ricorrenza, i settori merceologici ammessi, il luogo di svolgimento, la data e l'orario di svolgimento, gli estremi del provvedimento di istituzione o di variazione.
4. Sara' cura del comune comunicare annualmente, entro il 15 settembre, l'aggiornamento dell'elenco di cui al comma 2.

3 >

Art. 15
(Sostituzione dell'articolo 2 della legge regionale 7 settembre 1987, n. 47)

(...) < 3

4 >

Art. 16
(Modifica dell'articolo 3 della l.r. 47/1987)

(...) < 4

5 >

Art. 17
(Modifica dell'articolo 4 della l.r. 47/1987)

(...) < 5

Art. 18.
(Vigilanza sull'attivita' subdelegata)

1. I comuni, nell'esercizio delle funzioni subdelegate con la presente legge, osservano le norme ivi previste, nonche' le direttive, gli atti di indirizzo e di coordinamento emanati dalla Regione.
2. La Giunta regionale esercita, ai sensi dell'articolo 67 dello Statuto della Regione, i poteri di iniziativa e vigilanza in ordine all'esercizio delle funzioni amministrative subdelegate.
3. Accertata la protratta inadempienza dei comuni in relazione allo svolgimento delle funzioni subdelegate ovvero la violazione delle norme della presente legge, degli atti regionali di indirizzo e di coordinamento, la Giunta regionale, previa diffida, nomina Commissari ad acta, che si avvalgono degli uffici comunali.
4. I comuni commissariati non possono usufruire dei trasferimenti di cui all'articolo 10, comma 4.

Art. 19.
(Norma transitoria)

1. I comuni che, entro la data di entrata in vigore del d.m. 248/1993, non hanno emesso gli atti di concessione relativi a posteggi esistenti e utilizzati con regolarita' da operatori prima della summenzionata data, vi provvedono in conformita' alle disposizioni del comma 2.
2. Entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, i comuni procedono all'attribuzione definitiva, mediante concessione decennale, dei posteggi mercatali o extra mercatali, attenendosi alle seguenti disposizioni:
a) il posteggio e' assegnato all'operatore che lo abbia utilizzato per il maggior numero di volte fino all'entrata in vigore del d.m. 248/1993;
b) l'utilizzo e' attestato dal relativo pagamento della tassa di occupazione del suolo pubblico e, ove necessario, da altra documentazione in possesso del comune.
3. I comuni, emessi gli atti di concessione di cui al comma 2, consentono il trasferimento da un posteggio ad un altro non ancora assegnato esclusivamente a quei soggetti, gia' titolari di autorizzazione di cui alla l. 398/1976, che ne abbiano fatto richiesta in data anteriore all'entrata in vigore del d.m. 248/1993. Il trasferimento avviene nel rispetto dell'ordine cronologico di presentazione dell'istanza, fatto salvo il rispetto delle norme igienico sanitarie. Nel caso di domande concorrenti, prevale il soggetto titolare di concessione di posteggio rilasciata in data anteriore.
4. Contestualmente all'assegnazione del posteggio i comuni ne danno notizia alla Regione ed al comune che ha rilasciato l'autorizzazione.
5. Le domande di rilascio dell'autorizzazione pervenute all'Amministrazione regionale a partire dalla data di entrata in vigore della l. 112/1991 e fino all'entrata in vigore della presente legge possono essere perfezionate entro quindici giorni a partire da apposita richiesta formulata dalla Regione, mantenendo le priorita' derivanti dalla data di presentazione della stessa.
6. Ai fini del rilascio del nulla osta regionale, all'istruttoria di dette domande si procede nel rispetto delle modalita' stabilite dal d.m. 248/1993 nonche' dei criteri di cui all'articolo 2, comma 1 della l. 112/1991. In particolare, le domande inoltrate ai sensi dell'articolo 2, comma 3 della l. 112/1991 sono esaminate ad avvenuta pubblicazione sul Bollettino Ufficiale regionale degli elenchi di cui all'articolo 6, comma 2.
7. Dalla data di adozione del decreto di nulla osta saranno seguite le procedure di cui all' articolo 7.
8. Le tasse annuali, relative alle autorizzazioni per l'esercizio del commercio ambulante di cui alla l. 398/1976, introitate dai comuni per l'anno 1994, nelle more di svolgimento delle operazioni di conversione delle medesime in quelle previste dalla l. 112/1991, sono considerate corrispettivo degli oneri derivanti dalle operazioni stesse.
9. Le manifestazioni a carattere periodico, gia' istituite ai sensi della l.r. 47/1987, possono continuare ad essere svolte, applicando le modalita' stabilite dalla l. 112/1991 e dal d.m. 248/1993, fino all'entrata in vigore della presente legge.

Art. 20.
(Norma abrogativa)

1. Il Capo IV della l.r. 47/1987 e' abrogato.




1 Organismi soppressi con D.G.R. 10 luglio 2000, n. 1 394, ai sensi dell'art. 41, comma 1, della l. 449/1997.

2 Articolo abrogato dall'art. 1 della l.r. 15/2000.

3 Articolo abrogato dall'art. 17 della l.r. 31/2008.

4 Articolo abrogato dall'art. 17 della l.r. 31/2008.

5 Articolo abrogato dall'art. 17 della l.r. 31/2008.